Il Flussante

Cos’è e a cosa serve?

In questo articolo ti parlerò del flussante.

Cos’è? E a cosa serve?

Perché è così importante per le saldature?

Iniziamo subito!

Annunci

Cos’è e a cosa serve il flussante

Il flussante è un componente fondamentale per ottenere una buona saldatura.

E’ utilizzato in elettronica nell’assemblaggio di schede a circuito stampato e per la sostituzione di componenti elettronici in una riparazione.

Cos'è e a cosa serve il flussante

Agisce anche come agente bagnante, aumentando il flusso di saldatura e l’efficienza del processo di saldatura.

Oltre a favorire la saldatura, la protegge dall’ossidazione, pulendo e prevenendo l’ossidazione dei metalli.

Si trova in commercio in forma liquida ed è composta, principalmente, da alcool e colofonia.

Per migliorare ulteriormente il processo vengono aggiunti, da molti produttori, degli attivatori organici.

Si può trovare in commercio anche in gel, o in pasta e, generalmente, si presenta di colore giallo ambrato.

Annunci

L’uso del flussante nelle saldature

Un prodotto di qualità deve avere una bassissima percentuale di residuo solido (meno del 4%) e meglio ancora se esente da cloruri.

In questo caso viene definito ecologicamente sicuro.

Il flussante è utilizzato per la saldatura in elettronica professionale ed è compatibile con lo stagno senza piombo.

Tieni presente che lo stagno in rocchetti contiene già un’anima di flussante, sufficiente per le saldature.

saldatore + stagno

Ma, in aggiunta, è adatto per il ripristino ottimale di vecchie saldature.

Si può applicare con un pennellino, che permette di lavorare con precisione e pulizia.

Il flussante viene venduto, anche, in contenitori con un micro-dosatore.

micro-dosatore nella confezione con il flussante

Il quale è particolarmente adatto per i componenti SMD (acronimo di Surface Mount Device – Componenti a Montaggio Superficiale).

componenti SMD

Il componente principale del flussante è la colofonia, che, durante il processo di saldatura, produce l’acido abietico (C20H30O2).

In questo processo sono presenti anche, nel fumo e nei vapori, sostanze nocive, come l’acido salicilico (HOC6H4COOH) e il pinene.

I flussanti che contengono elevate quantità di resina producono fenolo (C6H5OH), mentre gli attivatori producono cloruro di idrogeno (HCL).

Flussante - Saldatura a stagno

L’inalazione di queste sostanze nocive può provocare mal di testa, nausea, irritazione agli occhi, ecc.

Il consiglio, quando si effettua una saldatura, è di utilizzare un aspiratore di fumi.

Esistono in commercio aspiratori, che dispongono di una ventola ad alte prestazioni e di un filtro al carbone attivo, progettati per assorbire i fumi sprigionati dal flussante e dal piombo.

Bene, direi che siamo arrivati alla fine.

Rimanendo in argomento potrebbe anche interessarti leggere: Come fare una saldatura a stagno perfetta.

Come fare una saldatura a stagno perfetta

Ci vediamo ad un prossimo post!

Annunci

error: Contenuto Protetto!