Perché scegliere una batteria ricaricabile?

Quali sono le principali caratteristiche da rispettare?

Perché scegliere una batteria ricaricabile di alta qualità (meglio se) ecologica, green o eco-friendly?

Perché evitare le batterie non ricaricabili?

In questo articolo troverai le risposte a queste domande.

Ti parlerò, inoltre, delle caratteristiche principali di un buon caricabatterie, delle tecnologie di batteria di uso più comune e del loro smaltimento.

Iniziamo!

Annunci

I vantaggi di scegliere una batteria ricaricabile

Per l’efficienza energetica:

  • Le batterie ricaricabili ti offrono la versatilità ed il costo delle batterie alcaline usa e getta, ma con l’ulteriore vantaggio di essere ricaricabili.

Per il minimo impatto ambientale:

  • Le batterie ricaricabili ecologiche non contengono metalli pesanti, ovvero mercurio, cadmio, piombo o nichel.
  • Ti consentirà, dunque, di non inquinare, dando, in questo modo, una mano al nostro pianeta.

Per la durata nel tempo:

  • Le batterie ricaricabili mantengono la loro carica anche dopo anni di inutilizzo.
  • Ti garantiscono centinaia di cicli di ricarica e ti consentiranno in questo modo di risparmiare denaro per molti anni.
  • Acquistando batterie ricaricabili di qualità, quindi, dai una mano anche al tuo portafoglio.

Chiaro è che questo ultimo punto ha una valenza evidente solo sul lungo periodo.

batterie ricaricabile Duracell
batteria ricaricabile Duracell
Annunci

Come ricaricare le batterie

Un buon caricabatterie dovrà avere queste caratteristiche principali:

  • avere un segnalatore di malfunzionamento (pila difettosa o pila esausta);
  • supportare le batterie di uso più comune identificando automaticamente il tipo di batteria;
  • avere un indicatore di avvenuta ricarica;
  • avere un sistema di controllo di sovraccarico corrente, di temperatura e di polarità invertita.
Caricabatterie per batterie ricaricabili
Annunci

Tecnologie di batteria di uso più comune :

  • Zinco – carbone : Non è ricaricabile.
  • Zinco – aria : Non è ricaricabile.
  • Alcaline : Non è ricaricabile.
  • Litio : Non è ricaricabile.
  • Piombo : Ricaricabile. E’ la tecnologia più vecchia. La sua invenzione risale al 1859. Questa batteria è ancora molto usata su automobili, moto, veicoli a motore ed attrezzi a motore.
  • Nichel-Cadmio (Ni – Cd) : Ricaricabile. E’ attualmente la scelta migliore nelle applicazioni che richiedono alte correnti.
  • Nichel-Metallo Idruro (Ni – MH) : Ricaricabile. Simile all’accumulatore nichel – cadmio, ma può avere due o tre volte la capacità di una batteria Ni – Cd di pari dimensioni. E’ l’ideale per applicazioni ad elevato assorbimento.
  • Ioni di litio (Li – iON) : Ricaricabile. Comunemente utilizzata per l’elettronica portatile e veicoli elettrici. Sta sostituendo, da tempo ormai, le vecchie batterie al piombo.
  • Litio-Polimero : Ricaricabile. Ioni polimeri di litio. Utilizzata soprattutto nei cellulari.
Annunci

Alcune tecnologie per usi più specifici, o ancora in fase di sviluppo:

  • Litio-Zolfo (Li – S) : Ricaricabile. Sostituirà le batterie agli ioni di litio. Potrebbero rivoluzionare la tecnologia delle prossime batterie al litio. Vedremo.
  • Litio Silicio : Batteria ricaricabile ad alte prestazioni. Utilizzata soprattutto nei veicoli elettrici. La migliore batteria per prestazioni e affidabilità. Permette di guadagnare dal 20 al 50% di carica in più.
  • Batterie al sodio : Ricaricabile. Più economiche e più performanti di quelle al litio. Hanno prestazioni migliori, pur riducendo i costi dell’80%.
  • Batterie al potassio : Potrebbero, assieme alle batterie al sodio, costituire le pile del futuro. Un’alternativa valida e a basso costo.
Annunci

Altre info

Le caratteristiche principali che deve avere una buona batteria ricaricabile sono:

potenza, velocità di ricarica e durata nel tempo.

Batterie alcaline
batterie ricaricabili

Un altro parametro molto importante che devi tenere presente, prima di un acquisto, è il numero di cicli di ricarica della batteria.

Il numero di cicli di ricarica che può sostenere e sopportare una singola batteria determina la sua durata nel tempo.

Anche se in alcuni dispositivi, a bassissimo consumo, ti potrei comunque consigliare l’uso di una batteria usa e getta alcalina.

Ad esempio:

in un telecomando, in un orologio a parete o da polso, in una calcolatrice, in una bilancia pesapersone o per alimenti.

In uno di questi dispositivi, una batteria alcalina di alta qualità ti durerebbe anni.

ATTENZIONE !!! Non provare mai a ricaricare una batteria a meno che sia una batteria specificamente indicata come “ricaricabile”.

Annunci

Lo smaltimento di una batteria esausta ed il suo riciclo

Lo smaltimento di una batteria è, ancora oggi, alquanto problematico.

>>>>> Ci sono dati contrastanti e informazioni poco attendibili su questo tema. Viene riportata come poco veritiera la notizia secondo la quale nel mondo si riciclerebbero solamente il 5% delle batterie al litio prodotte. A smentire questo dato altri studi sottolineano che nel 2018 sarebbero state riciclate, su scala mondiale, quasi 100.000 tonnellate di batterie al litio (fonte SORGENIA.IT). <<<<<

Le batterie non possono assolutamente essere buttate nei rifiuti urbani.

Sono classificate come rifiuti pericolosi ed altamente nocivi ed inquinanti per l’ambiente.

Perché scegliere una batteria ricaricabile?

Nel 90% dei casi, infatti, le batterie dell’auto possono essere riciclate e ciò si traduce in un importante risparmio economico.

I rivenditori di batterie sono tenuti a raccogliere le batterie usate ed a smaltirle senza alcun costo per i consumatori.

>>>>> I materiali nelle batterie quali biossido di manganese, grafite, zinco, ottone stagnato, acciaio nichelato possono essere riutilizzati. Molte grandi aziende del settore, come ad esempio Duracell, si impegnano a sviluppare tecnologie in grado di fornire più energia e di essere meno pericolose delle normali batterie allo zinco carbone. Nell’ impegno per la tutela dell’ambiente, utilizza solo inchiostri non tossici nelle proprie confezioni e la maggior parte di quelle realizzate in cartone è costituita per l’85% da materiale riciclato. ( fonte DURACELL.IT ).  <<<<<

Anche se il costo iniziale d’acquisto è un po’ più elevato rispetto ad una batteria usa e getta, l’utilizzo si tradurrà, nel tempo, in un grosso vantaggio sia per l’ambiente che per le tue finanze.  

E non preoccupati per i costi di ricarica, poiché il costo sulla bolletta sarà esiguo.

L’acquisto di una batteria ricaricabile di qualità ed ecologica si ammortizzerà nel tempo.

Il canale YouTube di Studioremoto.net

Lampada Beghelli – Sostituzione batteria
Trapano avvitatore a batteria

Iscriviti e seguici anche sul nostro canale YouTube

Annunci
error: Contenuto Protetto!